Olio di palma ? Nutella contro tutti

Avrete notato in tv e sul web “senza olio di palma” messo ben in evidenza sulla pubblicità. Sinceramente fino a poco tempo fa nessuno sapeva che questo olio vegetale fosse indicato come plurale  “grassi vegetali” sulle etichette. Nessuno si era mai posto problemi.  All’improvviso escono studi che questo prodotto non fa bene. Questo olio è utilizzato in tantissimi cicli produttivi (pensate alle merendine…. morbide morbide) naturalmente alcune aziende si sono adeguate, altre meno. L’ olio di palma fa bene….. si difendono quelli della Ferrero e mandano in tv il loro contro-spot pubblicitario. L’ olio di palma è l’ ingrediente fondamentale della Nutella e di altri prodotti della multinazionale Ferrero. E l’ azienda si difende. Per questo, mentre praticamente tutti gli altri marchi si sono affrettati ad eliminare l’ odiato ingrediente dalle loro preparazioni e prodotti, la Ferrero prova a sfoggiare sicurezza. Se tutte le aziende sono entrate nel tunnel d’uscita con la modifica di intere linee di produzione e sbrigandosi a mostrare la dicitura “senza olio di palma“, in Ferrero sono rimasti fermi, ostinati  e controcorrente sfidando il potere dei social network anti olio. Prodotti buoni e l’olio di palma è quasi salutare… e contro tutte le isterie diffuse su Facebook. Lo spot vede protagonisti gli stessi dipendenti Ferrero, in una forma studiata per trasmettere un’ immagine globalmente rassicurante dell’ azienda e dei suoi brand. Il gruppo alimentare non ritiene di fare passi indietro e sostituire l’ormai “popolare” ingrediente. Costa anche poco l’olio di palma, inodore, insapore. Quando si parla di olio di palma si fa riferimento spesso all’ impatto che la coltivazione di questo ingrediente ha a livello ambientale e alla sua produzione “sostenibile”. I più grandi produttori di olio di palma al mondo sono Indonesia e Malesia che, insieme, forniscono circa l’86% del palma disponibile al mondo. Ma è vero che questo grasso vegetale fa male ? alcuni studi scientifici riportano che un consumo ABITUALE di olio di palma fa aumentare in modo significativo la concentrazione di grassi nel sangue, dal colesterolo ai trigliceridi. Inoltre il rapporto tra colesterolo cattivo (LDL) e buono ( HDL) tende ad aumentare, per cui alla fine si assiste a maggiori livelli di colesterolo cattivo. Un altro elemento è la maggiore presenza di colesterolo cattivo nel sangue tra gli abituali consumatori di olio di palma, rispetto alle persone che impiegano altri grassi decisamente più salutari come l’olio extravergine di oliva. Infine viene spesso utilizzato in forma esterificata dalle aziende alimentari e questa modifica peggiora il profilo lipidico favorendo il danno cardiovascolare. Sembra poi che gli stati di infiammazione cronica favoriscono lo sviluppo di varie patologie come le cardiovascolari, l’aterosclerosi e il diabete. Adesso però mi è venuta fame….. una bella fetta di pane e Nutella non me la leva nessuno !

pane-nutella-e-olio-di-plama

Precedente Cresce il prezzo in borsa dell'energia, ai massimi dell'anno Successivo Attenzione: finta mail di Google ad uso phishing