I falsi miti della salute: occhio alle bufale via web

Nello scorso articolo abbiamo parlato di fake news e alimentazione: le notizie false arrecano danni e condizionano il nostro comportamento a tavola.

Questo vale ancora di più se  le bufale che si diffondono a macchia d’olio investono la nostra salute, per questo motivo oggi parleremo dei falsi miti del corpo umano su cure e malattie che circolano in rete e da cui dobbiamo assolutamente diffidare.

Avendo le informazioni a portata di click spesso utilizziamo internet in maniera errata, pretendiamo che ci vengano date risposte online a sintomi che percepiamo, i forum proliferano e noi li seguiamo come se fossero dei medici in carne ed ossa, ma così facendo mettiamo solo a rischio la nostra salute.

Ogni sintomatologia che si presenta può avere diverse cause e solo il nostro medico potrà appurarle, non affidiamoci quindi a consigli pescati in rete nè tanto meno dobbiamo credere ciecamente a tutto ciò che leggiamo online: internet pullula di bufale e cattivi consigli, controlliamo sempre la fonte e l’autenticità di ciò che ci viene detto prima di sperimentarlo sul nostro corpo rischiando di arrecare gravi danni.

Proprio per contrastare il proliferare delle fake news sanitarie Nomceo, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri ha creato un sito web “Dottoremaeveroche”, un portale medico per fornire informazioni accessibili e fornire anche chiarimenti in merito alle innumerevoli informazioni trovate su internet.

Una trentina di professionisti del settore, tra docenti universitari e comunicatori, che si rivolgeranno anche ai medici di famiglia per fornire loro materiale, infografiche e informazioni dettagliate da destinare ai loro pazienti perchè abbiano un quadro più esaustivo rispetto a quello documentato dalle fake news reperite nel web.

Perchè le informazioni su internet non vanno solo lette e immagazzinate ma anche interpretate e per poterlo fare abbiamo bisogno di consapevolezza.

 

 

 

Precedente Top 5: rimborso record da 1,7 milioni di sterline ai dipendenti sottopagati. Primark e Sports Direct, al terzo e quarto posto Successivo Spagna: rinvenuto messaggio nel Cristo del Miserere