Crea sito

I muri della gentilezza

In un mondo ancora troppo diviso da confini e filo spinato, ci sono muri bellissimi: quelli della gentilezza.

Spesso ci leggi sopra: “se non ti serve lascialo qui, se ti serve prendilo”.

Muri che non dividono ma uniscono, ci trovi sopra qualunque cosa, vestiti, cappelli, libri o tanto altro.

Da un pò si sono diffusi anche nelle città italiane da Milano a Palermo; rappresentano nella loro apparente banalità una rivoluzione che non guarda razza, colore, provenienza.

Un modo per includere e aiutare chi ha bisogno di qualcosa di necessario e per disfarsi di qualcosa di superfluo per altri.

Queste iniziative sono state messe un pò in disparte ma mai più di ora sono da rivalutare per venire incontro alle necessità di un numero sempre maggiore di persone.

E poi si sa che la carità non fa bene solo a chi la riceve ma scalda il cuore di chi dona come nessun altro gesto può fare.

E cosi che quel giocattolo buttato in fondo ad uno scatolone diventa una splendida sorpresa per un bimbo che non lo aveva mai visto prima.

Immaginare il suo sorriso diventa un’emozione grande.

Dai colori variopinti, questi muri andrebbero tutelati e visti anche come una vera e propria forma di street art.

Lascia un commento