Crea sito

Scompare la cascata San Raphael in Equador

La più bella cascata dell’Equador è scomparsa. A rivelarlo è stato l’Osservatorio della Nasa che con immagini satellitari scattate tra febbraio e marzo di quest’anno, dal satellite Landsat 8 con tecnologia OLI – Operation Land Imager – ha mostrato come la cascata si sia “spenta” suddividendosi in tre sezioni che sfociano però in punto più basso e non visibile dal tradizionale punto di osservazione.

La cascata San Raphael cadeva a picco per 150 metri su un lago vulcanico, ai piedi di un altro vulcano, in un’area verdissima, di vegetazione lussureggiante, all’intersezione tra le Ande e il bacino amazzonico. Fulcro d’attrazione del Parco nazionale Cayambe Coca, in una delle più belle aree dell’affascinante Paese equatoriale andino. Sicuramente tra i getti d’acqua più belli del pianeta, attirava decine di migliaia di visitatori l’anno.

Le cause della scomparsa della cascata sono attualmente solo delle ipotesi. Secondo il ministero dell’Ambiente la frana che avrebbe cambiato il corso del fiume, causando un crollo della parete rocciosa e quindi la creazione di una dolina, sarebbe stata causata dalle forti piogge che si sono abbattute sulla zona nei primi giorni dello scorso febbraio.

Altri sostengono che la causa possa essere la intensa attività sismica e vulcanica della zona mentre c’è chi non manca di accusare la nuova centrale idroelettrica situata a monte della cascata ed in funzione dal 2016.

«Una cascata che è stata lì per migliaia di anni non collassa, per coincidenza, pochi anni dopo l’apertura di un progetto idroelettrico. Questi sono processi che sono in articoli scientifici e ci sono prove sufficienti che una diga può causare effetti di questo tipo su un fiume», ha dichiarato Emilio Cobo, coordinatore del programma per le acque del Sud America presso la International Union for the Conservation of Nature (IUCN).

Quale che sia la causa è certo che è scomparso un angolo affascinante del pianeta che si teme possa avere conseguenze anche per le attività produttive a valle della cascata e in generale per l’intero habitat naturale della zona.