Crea sito

Articles Comments

Libera Notizia » Attualità, Economia, In primo piano, Tribuna libera » Adempimenti Privacy e Tassa Rifiuti per le Aziende: mettersi in regola a basso costo e ottenere rimborsi

Adempimenti Privacy e Tassa Rifiuti per le Aziende: mettersi in regola a basso costo e ottenere rimborsi

Il 24 maggio 2016 è entrato in vigore a livello di Comunità Europea il nuovo Regolamento Europeo sulla Privacy (si chiama GDPR 2016/679) ed è relativo alla protezione, trattamento e libera circolazione dei dati personali. Le norme saranno obbligatorie dal 25 maggio 2018 ed il tempo a disposizione per capire la strategia migliore da applicare e metterla in atto non è molto. Il regolamento porterà una serie di innovazioni non solo per il singolo cittadino ma anche per aziende, enti pubblici, liberi professioni ed associazioni. Il legislatore ha voluto introdurre regole più chiare in merito alla informativa ed al consenso stabilendo precisi limiti al trattamento automatizzato dei dati, alla relativa violazione ed allo scambio degli stessi al di fuori della Comunità Europea. Si è voluto rendere la norma più trasparente, con un’unica visione in tutta l’Unione Europea, rendendo molto chiara e semplice la gestione del proprio dato per ogni cittadino mediante consensi e revoche evidenti. La definizione (articolo 4) stabilisce l’oggetto del regolamento: «dato personale»: qualsiasi informazione riguardante una persona fisica identificata o identificabile «interessato»; si considera identificabile la persona fisica che può essere identificata, direttamente o indirettamente, con particolare riferimento a un identificativo come il nome, un numero di identificazione, dati relativi all’ubicazione, un identificativo online o a uno o più elementi caratteristici della sua identità fisica, fisiologica, genetica, psichica, economica, culturale o sociale; e la gestione stessa come: «trattamento»: qualsiasi operazione o insieme di operazioni, compiute con o senza l’ausilio di processi automatizzati e applicate a dati personali o insiemi di dati personali, come la raccolta, la registrazione, l’organizzazione, la strutturazione, la conservazione, l’adattamento o la modifica, l’estrazione, la consultazione, l’uso, la comunicazione mediante trasmissione, diffusione o qualsiasi altra forma di messa a disposizione, il raffronto o l’interconnessione, la limitazione, la cancellazione o la distruzione. Il consenso ad un certo trattamento che fino ad oggi poteva anche essere tacito diventa obbligatoriamente esplicito ed il cittadino potrà verificare in ogni istante come questo viene applicato ed eventualmente revocarlo in modo semplice. Cambia quindi la visione data oggi ai processi di marketing diretto, ma cambiano anche le modalità di registrazione e fruizione dei molti servizi internet; così varia anche la visione relativa alla profilazione dell’utente che non sarà più sufficiente, nel caso di questioni che hanno effetti giuridici, a deciderne una soluzione. Riportiamo la definizione data dal Regolamento: «profilazione»: qualsiasi forma di trattamento automatizzato di dati personali consistente nell’utilizzo di tali dati personali per valutare determinati aspetti personali relativi a una persona fisica, in particolare per prevedere aspetti riguardanti il rendimento professionale, la situazione economica, la salute, le preferenze personali, gli interessi, l’affidabilità, il comportamento, l’ubicazione o gli spostamenti di detta persona fisica; Nel caso di marketing diretto l’interessato avrà sempre diritto di opporsi alle attività/profili. Inoltre è stato introdotto in modo chiaro il diritto all’oblio, cioè la cancellazione dei propri dati personali da parte di un titolare del trattamento qualora ad esempio cessino i motivi per cui si era dato il consenso. Se ne pongono dei limiti di applicazione e si obbliga il titolare del trattamento ad agire tempestivamente perché l’informazione sia rimossa ovunque venga trattata. In un mondo sempre più digitale si è dato particolare risalto alla portabilità dei dati personali. In particolare diventerà molto più semplice trasferire i propri dati da un gestore ad un altro per i contratti come la telefonia, e quelli urbani (acqua, luce e gas) in quanto sarà fatto obbligo al gestore attuale il trasferimento autorizzato delle informazioni verso terzi. Anche dati più strutturati, come la messaggistica elettronica o i file nel cloud, dovranno essere trattati secondo questa nuova visione. Ovviamente la normativa non si spinge a definire le caratteristiche tecniche per l’interscambio dei dati né a livello europeo né nazionale. Saranno presumibilmente i vari enti nazionali, da noi il Garante per la Privacy, a concepire le opportune interfacce informatiche per i vari temi. Una particolare attenzione viene data al trasferimento dei dati al di fuori dell’Unione Europea dove dovrà essere accuratamente valutata l’adeguatezza rispetto alla tutela dei dati della controparte e in caso di insufficienza si potranno richiedere opportune garanzie ed il cittadino dovrà esplicitamente dare il proprio consenso ad ogni forma di trasferimento. La violazione dei dati personali non potrà essere una problematica solamente aziendale ma richiederà maggiore informazione verso l’interessato e una comunicazione tempestiva ed obbligatoria verso l’autorità nazionale per la protezione dati. Per le aziende, di qualsiasi ordine e grado, cambia radicalmente la visione generale che passa da un censimento dei trattamenti effettuati relativi alla privacy ad un vero e proprio Sistema Rischi dove, con le medesime metodologie messe in campo per il trattamento, ad esempio dei rischi finanziari od operativi, si riportano gli elementi della privacy ad elementi di rischio per il quale si devono fare attente misurazioni, mettere in atto politiche di riduzione del rischio, pianificare i costi che vanno ad impattare sul conto economico dell’impresa. I legislatori europei hanno voluto dichiarare in modo evidente l’importanza del provvedimento stabilendo forti sanzioni pecuniarie nel caso di non rispetto della norma (articolo 84, sanzioni).

Per adeguare e mettere in regola il sistema di gestione e trattamento dei dati personali a costi molto contenuti, basta rivolgersi a Gruppo Professionisti con il SERVIZIO SPESE ZERO che tramite il Gruppo di Acquisto Servizi Professionali potrà disaminare gratuitamente la situazione.

Riguardo la poco amata Ta.Ri (Tassa Rifiuti), anche per questa è possibile effettuare una pre-disamina completamente gratuita, atta a verificare se vi sono gli estremi per:

– ottenere una rettifica sulla tassa per l’anno in corso e per il successivo;
– ottenere rimborsi fino a 5 anni precedenti;
– ottenere un manitenimento sistematico degli addebiti congrui a livello annuale tramite SPESE ZERO.

Tale controllo è riferito alle aziende che smaltiscono qualsiasi tipologia di rifiuto con gli appositi formulari e/o che non hanno mai riscontrato le loro planimetrie con il Comune con reclamo.

In caso di successivo incarico a Gruppo Professionisti di cui al SERVIZIO SPESE ZERO, la remunerazione sarà di una percentuale su quanto verrà ottenuto. Se nessun rimborso o sgravio, nulla sarà dovuto.

Per contatti, informazioni o appuntamenti: 02671658073 whatsapp 3914596050 E-mail [email protected]

Articolo postato da

Categorie: Attualità, Economia, In primo piano, Tribuna libera · Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comments are closed.

Siti per blog