Mettersi in proprio: il business degli acquisti collettivi aprendo uno Spese Zero Point

Quando si parla di lavorare in proprio, vengono subito in mente le classiche attività presenti sul mercato dove, a fronte di un investimento in denaro talvolta importante, si immagina di gestire dalla gelateria, al negozio di abbigliamento, alle poste private o altre attività in franchising. Un sogno. Poi la “dura realtà” fa rimettere i piedi per terra e si comincia a capire, prima cosa, che occorre diventare imprenditori. Spesso viene richiesto denaro e competenze, ma entrambe le cose potrebbero non esserci o quanto meno non senza il “calvario” delle richieste di finanziamento. Le banche non sono proprio a disposizione di chi vuole mettersi in proprio. Da tenere conto poi che l’attività individuata e da avviare potrebbe essere già ampiamente presente sul mercato e quindi con poco spazio per un business soddisfacente.

Esiste però un qualcosa di nuovo. Si tratta del servizio Spese Zero promosso da Gruppo Professionisti con sede a Milano che, dal 1986, si occupa di riduzione dei costi usando i gruppi di acquisto e quindi gli acquisti collettivi.

Se è vero che l’unione fa la forza e la quantità fa il prezzo, con il servizio Spese Zero tutto questo diventa realtà in ambiti dove non ti aspetti, esempio:

  • Gruppo di Acquisto Prodotti e Stock (partecipare ad acquisti collettivi di prodotti e stock di vario genere proposti agli aderenti). Nel concreto e per capire: acquisto di una “power bank”, si tratta di quella “pila” supplementare dove è possibile collegare i nostri smartphone per ricaricarli quando non c’è a disposizione la spina al muro, prezzo listino 15,00 euro, il miglior prezzo sul web 7,99 euro, prezzo ottenuto con l’acquisto collettivo 4,00 euro… chiaro il concetto;
  • Gruppo di Acquisto Energia Nazionale (cumulando i consumi di energia elettrica e gas, vengono fatte delle aste dove possono partecipare i fornitori nazionali del settore, in questo modo si ottiene il prezzo migliore);
  • Gruppo di Acquisto Servizi Assicurativi (vengono cumulati soggetti, polizze e garanzie per ottenere le migliori condizioni);
  • Gruppo di Acquisto Servizi Legali (risoluzione delle contestazioni e problematiche con pagamento delle prestazioni ai legali con una percentuale del risultato ottenuto. In caso di esito negativo nessun costo è dovuto);
  • Gruppo di Acquisto Solidale e Collettivo (partecipazione ad acquisti di prodotti alimentari biologici direttamente dai produttori con un sistema etico win-win dove si rispettano le piccole produzioni locali di qualità);
  • Gruppo di Acquisto Servizi e Prodotti Telefonici (vengono cumulati servizi, prodotti e necessità per ottenere le migliori condizioni rivolgendosi a tutte le compagnie telefoniche);
  • Gruppo di Acquisto Ricambi (rivolto alle aziende, partecipare ad acquisti collettivi di ricambi di vario genere).

Quindi proporre Spese Zero significa:

  • ridurre i costi mediante gli acquisti collettivi: l’unione fa la forza e la quantità fa il prezzo;
  • ricevere assistenza telefonica e via mail 11 ore al giorno sabato compreso;
  • ricevere tutela in ambito legale, ottenendo rimborsi nel malaugurato caso di truffe, proposte ingannevoli, disservizi, doppie fatturazioni, addebiti non dovuti e altre ingiustizie;
  • ottenere un bonus dopo 12 mesi come “fidelizzazione” a questo servizio, il rimborso è “denaro che torna indietro”, ovvero in inglese cash back.

Ma vediamo in che consiste il lavoro da svolgere da parte dell’Affiliato.

Il compito pratico è molto semplice: proporre ad aziende, enti, soggetti privati e condomini l’adesione al servizio Spese Zero che dura 12 mesi. Tutta la parte complessa come le disamine e la preparazione delle soluzioni, viene effettuata in maniera centralizzata dagli esperti, tecnici e legali di Gruppo Professionisti e dei Gruppi di Acquisto di volta in volta interessati. Per diventare Affiliato si comincia subito con la formazione ma non solo, perché alla parte teorica deve subito affiancarsi quella pratica, imprenditoriale e gestionale.

Sono infatti quattro sono le possibilità di affiliazione:

  • prima: Executive Partner, attività libera senza ufficio;
  • seconda: Franchising, negozio fronte strada o ufficio;
  • terza: Collaborazione, corner all’interno di attività;
  • quarta: Segnalatore, attività saltuaria procacciatore.

L’investimento è veramente minimo e alla portata di tutti: bastano 1200,00 euro + iva (ovvero 1464,00 totali). Il costo iniziale serve a completare il percorso formativo Executive Partner della durata di circa 60 giorni. Al termine viene rilasciato l’attestato di “esperto” in questi ambiti. Questa attività imprenditoriale è diversa dalle solite e viene definita etica, infatti diventando un Affiliato esperto come Executive Partner con attività senza ufficio (la prima), in franchising “Spese Zero Point” con ufficio o negozio (la seconda) oppure come corner (la terza, escluso quindi il segnalatore), viene offerto da Gruppo Professionisti Spese Zero:

– contribuito fisso mensile (si è vero, si riceve denaro come sicurezza economica al fine di gestire al meglio tutte le attività) oltre naturalmente i compensi percentuali (pagamento entro ogni giorno 5 del mese);

– supporto all’Affiliato in area definita in esclusiva, organizzazione aziendale per lavorare in modo organizzato.

Quindi capiamoci: mettersi in proprio ricevendo soldi per la propria sicurezza economica? Si è proprio così. L’obiettivo è far raggiungere all’Affiliato quel numero di aderenti che permetta di ottenere una redditività congrua ed in linea con le aspettative.

Per tutti gli approfondimenti: www.spesezero.it
Per richiedere informazioni più dettagliate scrivere alla Segreteria Spese Zero Gruppo Professionisti su WhatsApp: 391 4596050

 

Precedente Una web serie su San Nicola. Il supereroe di Ivan Cacace Successivo Cosmesi naturale: consigli e ricette fai da te