Alimentazione e sport: nutrienti e integrazione

 

Molto spesso sentiamo parlare di dieta e ancora più spesso di dieta e sport, molto meno invece ci capita di sentir parlare di nutrienti e integrazione.

Cosa si intende per dieta e che relazione dovrebbe avere uno sportivo con l’alimentazione? Ognuno di noi si sarà posto queste domande almeno una volta nella vita e spesso trovare risposta non è così semplice e immediato.

Troppi sono i luoghi comuni e i miti che ruotano intorno al discorso alimentazione, ancora di più intorno al concetto di dieta, ma prima ancora di sfatare queste false credenze sarebbe opportuno chiarire alcuni concetti, tra questi in primis il concetto di dieta.

Solo a sentirla nominare oggi la parola dieta provoca un sentimento di repulsione: oggi è opinione comune che la dieta sia un regime restrittivo da seguire per perdere peso con fatica ma non sempre il concetto di dieta corrisponde per forza a sacrifice e rinunce. Nel gergo popolare dieta può anche equivalere a stile alimentare, secondo il punto di vista dal quale lo analizziamo: la dieta è effettivamente un regime alimentare con un basso introito calorico ma se equilibrata e adeguata alle esigenze di chi la segue può anche identificarsi con il concetto di alimentazione corretta.

L’equilibrio alimentare è la base di tutte le diete e di qualsiasi regime alimentare: ci alimentiamo correttamente nel momento in cui ci preoccupiamo di non far mancare al nostro organismo tutti i principi nutritivi di cui esso necessita, in rapporto ovviamente al nostro tenore di vita e all’attività fisica che svolgiamo. L’alimentazione dello sportivo richiede qualche accorgimento in più rispetto alla persona sedentaria, soprattutto per quanto riguarda l’integrazione di alcuni nutrienti essenziali per un corretto recupero e per prevenire gli infortuni.

Qualsiasi sia l’attività fisica svolta spesso i falsi miti sull’alimentazione dello sportivo creano confusione in chi vorrebbe fare del cibo il suo migliore alleato e spesso invece si ritrova a fare i conti con un nemico. A volte si sbaglia perchè si seguono i consigli degli amici, altre volte perchè si improvvisano diete dell’ultimo minuto o si ha fretta di raggiungere i risultati sperati, ma sono ancora tante le persone che praticano sport e non si nutrono in modo corretto, creando più danni che benefici per il proprio organismo.

Ci sono diverse categorie che potremmo classificare in persone inconsapevoli che non hanno la giusta cultura alimentare e chi invece consapevolmente si nutre in modo scorretto nella convinzione di raggiungere risultati, ad esempio nutrendosi con poco e aumentando le sessioni di allenamento. In realtà è opportuno fornire il giusto nutriente al momento giusto, soprattutto quando si fa sport per tenere alto il metabolismo e permettere un corretto reintegro delle energie spese: anche nel caso in cui si ricercasse il dimagrimento non occorre sottrarre alla propria alimentazione, non è mangiando meno che si arriva a perdere peso ma nutrendo l’organismo senza affamarlo e consentendogli di attingere a ciò che gli serve nel momento in cui occorre.

Un esempio? Chi pratica attività fisica intensa spesso ha un’alimentazione prevalentemente composta da carboidrati, spesso anzi si pensa che un consumo elevato di pasta, pane e dolci sia necessario perchè “tanto si brucia”, ma in realtà non c’è nulla di più sbagliato! E’ possibile ingrassare anche praticando tantissimo sport? Assolutamente si!

Il consumo di carboidrati in eccesso, soprattutto di quelli ad alto indice glicemico, non farà altro che far aumentare il picco insulinico e non consentirà lo smaltimento dei depositi di grasso localizzati, ma soprattutto un’alimentazione composta quasi esclusivamente di carboidrati sarà necessariamente poco equilibrata, in quanto priva di nutrienti fondamentali come le proteine, mattoni per i nostri muscoli. L’alimentazione dello sportivo deve comprendere ancora più di quella del sedentario tutti i nutrienti fondamentali: dalle proteine ai carboidrati senza trascurare vitamine e sali minerali di frutta e verdura. Ogni nutriente deve supportare il fisico al momento opportuno: ad esempio dopo un allenamento intenso sarà necessario reintegrare gli zuccheri e soprattutto riportare la glicemia al suo livello di normalità pertanto saranno consigliati alimenti ad indice glicemico alto come pasta e pane o la frutta al termine dell’allenamento.

Quando l’alimentazione non è sufficiente è necessario fare ricorso alla giusta integrazione: soprattutto per le donne è importante supportare l’organismo per sopperire ad alcune mancanze come la carenza di ferro o di acido folico. Ovviamente il discorso integrazione merita di essere approfondito anche valutando le esigenze diversificate di ognuno di noi, e soprattutto con l’aiuto di un professionista, mai improvvisare quando si parla di integratori ma al massimo ricorrere al parere di chi più è esperto di noi, come il nutrizionista.

L’alimentazione giusta per ognuno di noi sarà quindi un mix di equilibrio, responsabilità e gusto personale, perchè diciamocelo, il cibo è anche un piacere e mangiare con gusto è l’equilibrio migliore che possiamo scegliere.

Precedente TORINO FILM FESTIVAL: la rivoluzione non antropocentrica Successivo Huawey: arriva il clone di Face ID su Android