Crea sito

Articles Comments

Libera Notizia » Attualità, Salute e benessere, Tribuna libera » Il lavoro sedentario e i rischi di morte prematura: lo studio della Columbia University

Il lavoro sedentario e i rischi di morte prematura: lo studio della Columbia University

Che il lavoro e in generale la vita sedentaria siano facciano bene alla nostra salute già lo sapevamo, ma che chi lavora seduto per tante ore al giorno incorre in elevato rischio di morte prematura forse non lo avevamo ancora sentito.

Questo è ciò che rivela uno studio condotto dalla Columbia University, che ha condotto un’indagine durata 4 anni sui movimenti di più di 7000 adulti di età superiore ai 45 anni.

In realtà più che di un’indagine si è trattato di un vero e proprio esperimento: alle persone sottoposte al test è stato chiesto infatti di indossare un accelerometro con il quale sono stati monitorati tutti i movimenti, sia delle persone più attive che di quelle con un lavoro più sedentario.

Purtroppo i dati parlano chiaro: proprio quest’ultima categoria ovvero le persone che trascorrevano più ore sedute  sono morte in modo prematuro molto più che l’altra categoria di persone attive.

Questo studio ci conferma quanto la sedentarietà possa incidere negativamente sullo stato della nostra salute a tal punto da compromettere la stessa vita.

Dobbiamo però precisare che le analisi hanno inquadrato condizioni di sedentarietà prolungata ossia tra le persone scomparse prematuramente si collocano soprattutto quelle trascorrevano le loro giornate interamente seduti, a differenza di quelli che invece facevano brevi soste e si alzavano anche a brevi intervalli durante il lavoro.

Seguiamo dunque l’esempio ricavato da questa ricerca e anzi spingiamoci oltre, cerchiamo di fare sempre un po’ meglio: i passi consigliati al giorno sono 15.000, e dovrebbero bastare per scongiurare il rischio di morte prematura dovuta a sedentarierà però potrebbero non essere sufficienti.

Possiamo anche scegliere di raggiungere la sede di lavoro con una sana camminata riducendo lo stress in cui ci imbattiamo quotidianamente nel guidare in mezzo al traffico o spostarci a piedi per raggiungere il primo posto disponibile per la pausa pranzo, piccole strategie che a lungo andare non ci peseranno più e diventaranno delle sane e buone abitudini.

In ogni caso se svolgiamo un lavoro sedentario  dobbiamo sforzarci di interrompere l’attività lavorativa e alzarci almeno ogni mezz’ora, se possibile praticare quotidianamente un’attività fisica moderata, non vivremo in eterno ma sicuramente meglio.

 

Articolo postato da

Categorie: Attualità, Salute e benessere, Tribuna libera · Tags: , ,

Comments are closed.

Siti per blog